martedì 17 novembre 2009

Serata Girolago

Venerdì 20 novembre 2009 ore 21.00
Forum di Omegna
Serata conclusiva dell’Iniziativa Scopriamo Girolago 2009


“Le immagini”

Programma della serata:

Saluti del Presidente dell’Ecomuseo del Lago d’Orta e Mottarone, dei Rappresentanti e dei Sindaci dei Comuni interessati dal Progetto
Video Scopriamo Girolago edizione 2009 Proiezione di immagini e riprese a cura di Fabio Valeggia e Cinefotoclub “Lo Specchio del Lago”
Mettiamola sul ridere… Proiezione a sorpresa
Rinfresco Finale con degustazione di prodotti casalinghi dolci e salati preparati da alcuni dei partecipanti di quest’anno
Per parlare insieme dei progetti per la prossima edizione e condividere il “gusto” del girolago

venerdì 13 novembre 2009

Dal turismo consumistico al turismo consapevole


Dal 13 al 15 Novembre a Somasca di Vercurago (Lecco) si svolge il Secondo Workshop della Rete degli Ecomusei della Lombardia. Si comincerà venerdì con un incontro sul tema “Verso un Coordinamento Nazionale degli Ecomusei: gli Ecomusei Lombardi incontrano gli Ecomusei Italiani”. Si sta affermando l’idea, infatti, di costituire un coordinamento delle reti regionali degli ecomusei anche in vista del possibile varo di una legge nazionale in materia di ecomusei. Sabato si parlerà di turismo. “Dal turismo consumistico al turismo consapevole, quale turismo per gli Ecomusei”, questo il titolo della tavola rotonda cui parteciperanno il Ministro del Turismo Michela Vittoria Brambilla, Roberto Ruozi Presidente del Touring Club Italiano e Hugues de Varine il museologo francese considerato il “padre degli ecomusei”.
Fu lui, infatti, a coniare questo termine per designare “un'istituzione che gestisce, studia, esplora a fini scientifici, educativi e culturali in genere, il patrimonio globale di una certa comunità, comprendente la totalità dell'ambiente naturale e culturale di questa comunità”. L’ecomuseo può essere definito anche come “uno strumento che un potere e una popolazione concepiscono, fabbricano ed esplorano assieme. Questo potere, con gli esperti, le agevolazioni, le risorse che fornisce. Questa popolazione, secondo le proprie aspirazioni, con le sue culture, con le sue capacità di accesso.” L’ecomuseo infine è “uno specchio in cui questa popolazione si guarda, per riconoscersi, in cui essa cerca la spiegazione del territorio al quale appartiene, assieme a quelle popolazioni che l'hanno preceduta, nella discontinuità o nella continuità delle generazioni.”
I lavori si concludono domenica con la presentazione di tre nuovi corsi universitari in Ecomuseologia e la Tavola rotonda “Alimentazione e Agricoltura sostenibile: gli ecomusei verso Expo 2015”.
Ai lavori parteciperà una delegazione dell’Ecomuseo del Lago d'Orta e Mottarone, anche in rappresentanza della costituenda “Rete degli Ecomusei del Piemonte”.

domenica 1 novembre 2009

CASTAGNATA "STREGATA"




Sono state le belle immagini dell’illustratrice Barbara Visca a fare da filo conduttore per i racconti ‘spaventevoli’ di streghe e fantasmi con cui Luca Ciurleo e Samuel Piana hanno intrattenuto i partecipanti alla castagnata organizzata da Ecomuseo Cusius nel pomeriggio di sabato 31 ottobre presso il museo delle tradizioni popolari di Marmo, in valle Strona. E il ‘controcanto’ dei fratelli Mario e Valentino Martinoli - già proprietari dell’antica torneria che ospita il nuovo centro culturale valligiano – si è aggiunto ancora una volta alle più giovani voci.
Un pot-pourri di ricordi ed emozioni che saliva, tra le volute di fumo e il profumo delle caldarroste, sovrastando il brontolio sordo del torrente, verso il cielo brumoso d’autunno. Una giornata d’altri tempi…


lunedì 19 ottobre 2009

Ecomusei per il paesaggio


Quale rapporto lega i musei al paesaggio?
E quale ruolo possono svolgere e svolgono gli ecomusei?
Su queste domande era incentrato il convegno nazionale “Musei e Paesaggio” organizzato da ICOM (l’organizzazione internazionale dei musei) a Ravenna. Al convegno ha preso parte una delegazione degli ecomusei piemontesi, invitati a relazionare sulle attività svolte per la ricerca, la valorizzazione e la conservazione del paesaggio. La delegazione era composta da Andrea Del Duca, direttore dell’ecomuseo del Lago d'Orta e Mottarone e da Giuseppe Pidello, coordinatore dell’ecomuseo della Valle Elvo, una delle cellule dell’ecomuseo del Biellese.
L’intervento presentato al convegno verteva da un lato sul particolare approccio degli ecomusei alla tematica, con una naturale convergenza rispetto allo spirito e ai contenuti della Convenzione Europea del Paesaggio. La Convenzione, recepita anche dall’Italia e avente valore di legge, rovescia il tradizionale indirizzo di governo dall’alto del paesaggio, prevedendo la partecipazione attiva della popolazione nelle politiche paesaggistiche. La vocazione partecipativa degli ecomusei e il ruolo di “cerniera” tra le istituzioni e la comunità locale, fanno degli ecomusei uno dei soggetti potenzialmente in grado di facilitare l’affermarsi di questa nuova prospettiva. Durante il convegno è stato inoltre presentato il risultato di uno studio condotto tra gli ecomusei piemontesi per monitorare le attività concretamente svolte dagli ecomusei.

È emersa chiaramente la vocazione a svolgere una funzione di sensibilizzazione della popolazione e a valorizzare il paesaggio mediante iniziative che prevedono un’attiva partecipazione della comunità locale. Un esempio particolarmente riuscito, sul nostro territorio è “Scopriamo Girolago”, un camminar piano per guardare con occhi nuovi il paesaggio, che è reso possibile dal crescente coinvolgimento di volontari nella sua organizzazione.

sabato 17 ottobre 2009

Riparte il corso sulle lingue regionali all'UNI3 di Omegna

UNI3 Omegna – anno accademico 2009/2010
Lingue, dialetti e cultura tradizionale
Omegna, il Cusio, l'Italia nord occidentale

Corso a cura dell'Associazione culturale Compagnìa dij Pastor, con il patrocinio di Ecomuseo Cusius del Lago d’Orta e del Mottarone

Dopo il buon successo degli scorsi anni, viene riproposto il corso sulle parlate locali e la cultura materiale di Omegna, del Cusio e del Piemonte.

Incontri previsti:
1. Tra dialetti e culture materiali: problemi di trascrizione di una lingua parlata.
2. Daghela avanti on pass. I piemontesi alla conquista d’Italia.
3. Travet a meur nen. Storia del teatro dialettale piemontese.
4. Balli e ballate, passatempi di una volta tra l’aia e la stalla.
5. Le latterie consorziali turnarie nell’economia agricola del VCO. Le esperienze di Casale Corte Cerro e di Fomarco.
6. Dagh al gorila. I dialetti del nord ovest nella moderna canzone d’autore.

Il corso si terrà presso il Forum di Omegna, dalle ore 15,00 alle 17,00, nei giorni
lunedì 9 novembre 2009
lunedì 18 gennaio 2010
lunedì 1 febbraio 2010
lunedì 15 febbraio 2010
lunedì 8 marzo 2010
lunedì 22 marzo 2010

N.B. Per motivi di organizzazione l’esatta successione degli incontri sopra elencati sarà comunicata nel corso del primo incontro.

Relatore Massimo M. Bonini: insegnante, giornalista, ricercatore, docente di lingua piemontese
Agli incontri potranno inoltre prendere parte esperti delle materie di volta in volta trattate

lunedì 14 settembre 2009

GIROLAGO CIABATTONE

Domenica 20 settembre 2009 ore 15 - 18

TEATRO DELLE SELVE
in collaborazione con ECOMUSEO CUSIUS DEL LAGO D'ORTA E MOTTARONE
e LA FINESTRA SUL LAGO
PRESENTA

GIROLAGO CIABATTONE
DA MONTE SAN GIULIO (PELLA) A EGRO (CESARA)

Ripresa e approfondimento, con diverso itinerario, della lettura teatrale dell'omonimo romanzo di Achille G. Cagna presentata nell'edizione 2008 di TEATRI ANDANTI (nella foto). Un tentativo di far sì che una narrazione letteraria divenga anche mappa percorribile dei luoghi fisici che essa contiene e , reciprocamente, che la topografia quasi si smaterializzi, presentandosi come possibile percorso dell'immaginazione.
Anche quest'anno il percorso teatral-letterario è realizzato in collaborazione con GIROLAGO, manifestazione ideata e realizzata dall'Ecomuseo del Lago d'Orta.

Costo di partecipazione: € 5,00

PER PRENOTAZIONE - OBBLIGATORIA - E INFORMAZIONI TELEFONARE ALLO 0323 89622 (ECOMUSEO)

In caso di pioggia: 26 settembre, stesso luogo e ora

sabato 12 settembre 2009

La Six String Nation Guitar sul Lago d’Orta.


La prima settimana di Settembre il territorio del Lago d’Orta ha avuto un’ospite eccezionale: una chitarra. Dov’è l’eccezionalità? Nel fatto che questa non è solo una chitarra, ma è anche un libro di Storia, un’idea e un simbolo. E’ stata realizzata con più di 60 pezzi diversi estremamente significativi della Storia del Canada e delle diverse comunità che ne costituiscono la popolazione. Raccoglie in sé, quindi, memorie di grandi scrittori, di importanti statisti, di campioni dello sport, di artisti, e delle comunità degli Indiani d’America, degli Inuit, degli immigrati Italiani, dei Finlandesi… Ogni Canadese insomma, può trovare in quel semplice ma affascinante strumento musicale qualcosa di sé, delle sue radici e della sua cultura. E non solo i Canadesi: anche molti Italiani, si sono lasciati affascinare da Voyageur, come viene chiamata questa chitarra che, dopo aver percorso più di 200.000 Kilometri per tutto il Canada, è uscita dal suo Paese per la prima volta, invitata dall’Associazione La Finestra sul Lago. Molti, in questi giorni l’hanno imbracciata e si sono fatti fotografare con lei, anche i Sindaci di Orta, di Pella, di Gozzano, di Soriso, di Pettenasco, di Nonio e di Cressa, anche tanti chitarristi che l’hanno suonata apprezzandone, oltre alla magia, anche il suono. Sabato 5, di fronte alla chiesa del Sacro monte di Orta, il grande chitarrista Pino Forastiere ha voluto suonarla nel corso di un raffinatissimo concerto.
Voyageur ha visitato i musei dell’Ecomuseo del Lago d'Orta e Mottarone, ville, e anche la Valle Strona, per un motivo ben preciso. Abbiamo voluto portarla nella valle dei Pinocchi perché anche lei, come il burattino di Collodi, è un pezzo di legno che è diventato vivo e parla: alle orecchie e ai cuori.
Jowi Taylor, il suo ideatore, vi invita a visitare www.sixstringnation.com e a scoprire Voyageur, sostenendo il suo impegno sociale e culturale. Il PAESE A SEI CORDE si espande ancora creando un ponte al di là dell’Oceano.

Domenico Brioschi

venerdì 11 settembre 2009

Buone notizie per i finanziamenti agli ecomusei piemontesi

ECOMUSEI: SARA’ RIPRISTINATO IL CONTRIBUTO DI 3 MILIONI DI EURO PER SPESA CORRENTE E INVESTIMENTI.
UNA DICHIARAZIONE DEI CONSIGLIERI REGIONALI PD ANGELA MOTTA E MARCO TRAVAGLINI.

Oggi in Commissione regionale ambiente l’assessore regionale Gianni Oliva ha comunicato che il contributo per gli ecomusei piemontesi, dimezzato in sede di bilancio per i noti problemi finanziari della Regione, sarà ripristinato con l’assestamento di bilancio in discussione in Consiglio regionale.
I tre milioni di euro che con l’assestamento andranno dunque agli ecomusei permetteranno non solo la gestione ordinaria, ma anche quegli investimenti necessari per valorizzare questa forme di fruizione culturale così importanti per i nostri territori. Per questo ci siamo impegnati in questi mesi e il risultato raggiunto non può che vederci soddisfatti.
Gruppo Consiliare Partito Democratico
Torino, 10 settembre 2009

lunedì 24 agosto 2009

A CHI AMA IL PIEMONTE CONTADINO…

Riceviamo e pubblichiamo.

Cari amici che amate la cultura sorgiva del nostro territorio collinare,
con questa news chiediamo la vostra collaborazione per far conoscere un’iniziativa meritevole di attenzione che rischia di passare inosservata. Stiamo parlando del Concorso “Il Piemonte contadino è…”, nato da una sinergia tra Comune, Pro Loco, Biblioteca e Istituto Comprensivo di Diano d’Alba, con il coordinamento organizzativo gratuito dell’Associazione Arvangia. UN ESEMPIO INTELLIGENTE E SEMPRE PIU’ RARO di consorzio spontaneo per valorizzare storia, memoria, tradizione, realtà produttive del Piemonte con un montepremi di ben 4.000,00 euro.
Chi riceve questa mail con il bando del concorso allegato in formato pdf è pregato di inoltrarla al maggior numero di amici, parenti e conoscenti, così da informare in breve tempo quante più persone possibile. Ci siamo accorti in questi mesi di avere buone idee, una volontà ammirevole, tanto entusiasmo ma piedi d’argilla. Ci succede spesso di andare oltre le nostre capacità organizzative, spinti dalla passione e dalla voglia di fare bene. E’ successo l’11 luglio con la camminata in notturna nei luoghi fenogliani, lunedì 10 agosto con il raduno degli autori in Langa, mercoledì 12 agosto con il teatro in cortile di Oscar Barile. La partecipazione è sempre superiore alla nostra capacità di gestire il numero elevato di persone che raccolgono i nostri inviti. Ogni volta riusciamo a coinvolgere centinaia di persone che dimostrano di apprezzare il nostro impegno e le nostre proposte, ma non sempre riusciamo a trovare spazio per tutti. Per evitare che qualche spirito “arvangista” abbia, poi, a lamentare di non essere venuto a conoscenza del concorso sul Piemonte contadino, vi preghiamo di far circolare la nostra mail e il bando allegato. Con questo piccolo sforzo diventerete anche voi promotori di cultura diffusa e il territorio piemontese che ama le cose di sostanza, senza fronzoli e concrete, vene sarà grato. Un grazie di cuore a tutti e un augurio sincero di buon proseguimento delle vacanze da Donato Bosca.
Chiediamo a tutte le persone che ricevono questa nostra mail di aiutarci a divulgarla e a farne conoscere il contenuto l’Associazione resta in dialogo all’indirizzo di posta elettronica arvangia@casamemorie.it , e al cellulare 338/1761673.
CULTURA ARVANGIA,LA CULTURA SEMPLICE CHE SA COINVOLGERE. SCOPRILA CON NOI.
Per informazioni:Segreteria Associazione Arvangia viale Cherasca, 39- 12051 Alba (Cn)Tel./fax 0173.35946/69114-cell.338/1761673langamagica@virgilio.it/arvangia@casamemorie.it www.arvangia.net;www.crosiera.net;www.casamemorie.it

domenica 9 agosto 2009

Quarna Sotto: il dialetto è pubblicato


E’ stato presentato sabato 8 agosto il nuovo libro sul dialetto e sulle tradizioni di Quarna Sotto, frutto del lungo lavoro svolto da un folto gruppo di volontari dell’associazione di Storia Quarnese, organizzata intorno al museo Etnografico e dello Strumento Musicale a Fiato, coordinato da Giorgio Cecchetti. E’ stato costui, il ‘quarnello milanese’, come lo ha definito Gianni De Bernardi nella sua relazione ufficiale a volere anche questo tassello, a coronamento del lunghissimo impegno che da svariati decenni lo vede protagonista della vita culturale della piccola comunità cusiana.
Al convegno di presentazione, che ha gremito sino all’inverosimile l’auditorium del museo, erano presenti le autorità civili e religiose, i rappresentanti degli enti – comune, comunità montana, provincia, fondazioni bancarie – che hanno sostenuto economicamente la pubblicazione, molti studiosi di storia e tradizioni locali e moltissimi cittadini.
Il professor Gabriele Iannaccaro, dell’università di Milano Bicocca, che ha svolto il compito di consulente scientifico al lavoro di raccolta e redazione dei testi, ha presentato le metodologie utilizzate inquadrando l’opera nel vasto panorama della moderna ricerca sulle lingue regionali. Da più parti poi è venuto l’invito a far sì che i dialetti non vengano ridotti a semplici ‘pezzi da museo’, studiati e conservati come semplici lingue morte, ma rimangano elemento vivo e vitale, di uso quotidiano quindi, della vita di ogni giorno.

venerdì 31 luglio 2009

Arte nelle Terre Alte








Presso il Museo dell’Artigianato di Marmo, nuovo sito dell’Ecomuseo del Lago d'Orta e Mottarone, si sono svolti i laboratori della XII edizione di "Arte nelle Terre Alte", organizzati dal laboratorio di Arti Visive di Granerolo. Una decina di corsisti, tra i trenta e i cinquanta anni di età, sono stati ospitati presso la foresteria del museo, inserito in un contesto naturalistico di grande pregio.
Una presenza importante quella del torrente Strona, poco distante dal museo, con un grande prato fiorito al di là dell'acqua e poi il bosco tutto intorno. Una natura forte, capace di essere preziosa fonte di ispirazione per i lavori degli allievi. Gli oggetti, realizzati con la tecnica della ceramica primitiva, sono stati cotti in un fuoco di legna, su ciottoli tondi, forniti dal fiume e usati come base per il falò. Dal bosco è stata presa la legna secca per la cottura.
L'idea di base della ceramica primitiva è infatti quella di utilizzare il più possibile quello che la natura fornisce. Forme semplici, organiche, morbide, ma anche aspre come talora può essere la natura. Gli allievi, dice il Maestro Giovanni Crippa, “sono stati invitati a lavorare su loro stessi, sui sogni e le paure, affidando al cuore e alle mani il loro progetto, lasciando che l’argilla manipolata lo materializzi e gli dia forma.
Lunedì sera vi è anche stato un fuori programma: grazie alla presenza di un accompagnatore naturalistico è stata effettuerta una visita nelle vicine grotte di Sambughetto, le Grotte delle Streghe scavate dall’acqua nel marmo bianco. Cavità suggestive e ludiche, visitate anche dalle classi primarie delle scuole del territorio grazie ai progetti didattici dell’Ecomuseo del Lago d'Orta e Mottarone. Un modo per entrare ancora di più in contatto con quegli elementi (la Terra, l’Acqua, il Fuoco), con i quali gli allievi si sono confrontati durante tutta la loro permanenza.”

giovedì 16 luglio 2009

Attrezzi agricoli


carél attrezzo in legno, munito di corda, per legare i fasci di fieno da trasportare
(dialetto di Casale C.C. e della valle Strona)

mercoledì 15 luglio 2009

Il Museo dell'ombrello compie 70 anni

Il Comune di Gignese, l`Associazione Amici del Museo dell'Ombrello e del Parasole, l`associazione Turistica Pro Loco, i Commercianti di Gignese, l'Ecomuseo del Lago d'Orta e Mottarone, presentano

1939 - 2009 LXX ANNIVERSARIO DEL MUSEO
SABATO 18 LUGLIO 2009

Ore 10.00 Santa Messa nella Chiesa di San Rocco in Memoria degli Ombrellai

Ore 11.00 Francesco Maglia Presidente dell`Associazione Ombrellai presso la sala sottostante il Museo dedicherà un ricordo agli Ombrellai e alla loro Storia.
Seguirà Rinfresco

Ore 16.00 Festa dei Commercianti con il Mercatino dell'Artigianato nelle vie di Gignese e con la partecipazione del gruppo Storico di Borgomanero in vestiti d'epoca.

Ore 21.00 Piazza Marconi
Cabaret di Beppe Altissimi

Per informazioni:
Museo dell`Ombrello 0323.208064

domenica 12 luglio 2009

Attrezzi agricoli



lä scvérä e 'l ristél (la gerla e il rastrello), dialetto di Casale Corte Cerro, foto di Angela Poletti

Aderendo all'invito della Commissione Cultura Tradizionale di Ecomuseo Cusius, iniziamo a seguire il filone degli antichi attrezzi agricoli.
Invitiamo tutti gli amici a voler contribuire con fotografie e segnalazioni.

sabato 27 giugno 2009

MUSEI APERTI 2009

Durante tutto il mese di luglio e di agosto 2009 l’Ecomuseo del Lago d’Orta e Mottarone propone l’annuale iniziativa “Musei Aperti”, che ha riscosso negli scorsi anni molto successo.
L’iniziativa coinvolge i siti museali, con un servizio di accoglienza e visita, dove vengono fornite tutte le informazioni necessarie alla conoscenza della realtà dell’Ecomuseo.
Tre sono gli itinerari principali in cui si raggruppano i musei: il lavoro e i mestieri; l’uomo e l’ambiente; l’arte e la storia.
Il lavoro e i mestieri è un percorso che coinvolge molti dei siti ecomuseali: il Museo dell’Arte della Tornitura del Legno di Pettenasco, ricavato da un’antica torneria idraulica; il Museo dello Scalpellino a Boleto di Madonna del Sasso, che testimonia il duro è pericoloso lavoro degli scalpellini nelle cave di granito; il Museo dell’Ombrello e del Parasole di Gignese, originale museo sulla storia degli ombrelli e dei parasoli; il Museo Etnografico e dello Strumento Musicale a Fiato di Quarna Sotto che testimonia l’arte della costruzione di strumenti musicali a fiato di cui Quarna vanta un’antica e prestigiosa produzione; la Fondazione Museo Arti e Industria Forum di Omegna, dove su un’area in precedenza adibita a produzione industriale, è stata ricavata una struttura polifunzione che ospita mostre temporanee prestigiose e una collezione permanente dedicata alle importanti industrie del casalingo del Cusio; la Mostra Permanente Museo degli Alberghieri di Armeno, in cui sono raccolte le testimonianze di un lavoro che ha reso celebri in tutto il mondo la categoria degli alberghieri di Armeno; il Museo del Rubinetto e della Sua Tecnologia di San Maurizio d’Opaglio, in cui viene raccontata la storia, e gli oggetti della rubinetteria, in uno dei più grandi distretti industriali del rubinetto d’Italia.
Nel percorso l’uomo e l’ambiente sono compresi il Giardino Alpinia ad Alpino di Stresa, in cui tra le numerose piante e specie botaniche alpine, si può ammirare una delle sei più belle viste panoramiche al mondo, sul Lago Maggiore e zone limitrofe; e l’Alpe Selviana Cooperativa Agricola “Il Glicine” di Agrano di Omegna, un piacevole alpeggio riconvertito in cui si coltivano prodotti con il metodo biologico.
Nel percorso dell’Arte e della Storia è compresa la Collezione Calderara di Arte Contemporanea di Vacciago di Ameno che raccoglie alcune opere di Antonio Calderara e 133 altri artisti in una collezione unica e ricchissima di nomi e correnti artistiche.

L’iniziativa è stata realizzata grazie ai fondi del 5 per mille.

Di seguito gli orari

MUSEI APERTI 2009

PETTENASCO - Museo dell’arte della tornitura del legno
Aperto nei mesi di Luglio e Agosto con i seguenti orari:
Venerdì – Sabato – Domenica dalle 14 alle 19
Ingresso gratuito – Visite guidate gratuite

QUARNA SOTTO -Museo Etnografico e dello strumento musicale a fiato
Aperto da Martedì 23 giugno a Domenica 6 settembre con il seguente orario:Da Martedì e Venerdì 14:30-18:30Sabato e Domenica 10:30-12:30 e 14:30-18:30
Costo dei Biglietti d’ingresso:Adulti € 2,60 cad - Bambini € 1,60 cad
Visite guidate gratuite

ARMENO - Museo degli Alberghieri
Aperto nei mesi di Luglio e Agosto con i seguenti orari:
Venerdì – Sabato – Domenica dalle 14 alle 19
Ingresso gratuito – Visite guidate gratuite

MADONNA DEL SASSO - Museo dello Scalpellino
Aperto nei mesi di Luglio e Agosto con i seguenti orari:
Venerdì – Sabato – Domenica dalle 14 alle 19
Ingresso gratuito – Visite guidate gratuite

VACCIAGO DI AMENO - Fondazione Calderara
Aperto dal 15 maggio al 15 settembre con i seguenti orari:
martedì – venerdì dalle 15 alle 19
sabato e domenica dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 19
Ingresso gratuito. Servizio di visita guidata gratuita nei mesi di luglio e agosto nei giorni di venerdì – sabato e domenica fino alle ore 18.00

SAN MAURIZIO D’OPAGLIO - Museo del Rubinetto
Aperto nei mesi di Luglio e Agosto con i seguenti orari:
Venerdì – Sabato – Domenica dalle 14 alle 19
Ingresso gratuito – Visite guidate gratuite

GIGNESE - Museo dell’Ombrello
Aperto dal 1° aprile al 30 settembre con i seguenti orari:Tutti i giorni tranne il lunedì dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18
Costo dei Biglietti d’ingresso:Adulti € 2.50 cad - Gruppi e bambini € 1.50 cad
Servizio di visita guidata gratuita nei mesi di luglio e agosto nei giorni di venerdì – sabato e domenica

OMEGNA - Forum Museo Arti e Industria
Aperto tutto l’anno con i seguenti orari:
da Martedì a sabato dalle 10 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18.00 Domenica dalle 14.30 alle 18.00
Nei mesi di luglio e Agosto servizio di visite guidate gratuite nei giorni di venerdì – sabato e domenica

Per informazioni dettagliate sugli orari dei musei visitate il sito www.lagodorta.net nella sezione Musei Aperti
Per ulteriori informazioni Ecomuseo del Lago d’Orta e Mottarone tel.0323.89622 oppure fax 0323.888621; email ecomuseo@lagodorta.net

mercoledì 24 giugno 2009

Delegazioni italiane in visita all’Ecomuseo Cusius

La scorsa settimana due delegazioni di ecomusei italiani hanno visitato l’Ecomuseo del Lago d'Orta e Mottarone. Le visite erano finalizzate a conoscere da vicino la formula organizzativa dell’ecomuseo cusiano.
Il 16 giugno si è svolta la visita del primo gruppo, costituito da una quindicina di accompagnatori naturalistici, guide e personale dell’ecomuseo delle miniere e della Val Germanasca, incentrato sul sito “Scopriminiera”.
La seconda delegazione, giunta il 20 giugno, proveniva invece dalla Comunità Montana della Valle San Martino, ed era formata da un gruppo di studenti specializzati in un corso per operatori ecomuseali, un ecomuseo facente parte della rete lombarda degli ecomusei.
Accompagnati dal Presidente della Comunità Montana, dal coordinatore dell’ecomuseo, e da altri amministratori, anche la seconda delegazione ha avuto modo di visitare alcuni siti dell’ecomuseo e incontrare i suoi rappresentanti, che hanno illustrato le caratteristiche, la storia e il modello gestionale dell’ecomuseo.

All’Associazione Ecomuseo del Lago d'Orta e Mottarone, fondata nel 1997, hanno aderito le principali realtà istituzionali e culturali del territorio cusiano. Particolarmente interessante risulta la gestione condivisa del ricco patrimonio costituito da musei, percorsi, siti visitabili, ma anche proprietà private, edifici pubblici e chiese. Un modello unico nel panorama ecomuseale italiano e per questo oggetto di crescente attenzione da parte di altre realtà ecomuseali.

Ricordiamo che il termine “ecomuseo” fu coniato nel 1971 dai museologi francesi Hugues de Varine e Georges Henri Rivière per indicare “una istituzione culturale che assicura, in modo permanente, su un dato territorio, con la partecipazione della popolazione, le funzioni di ricerca, presentazione, valorizzazione di un insieme di beni naturali e culturali, rappresentativi di un ambiente e dei modi di vita che vi si succedono”.

domenica 21 giugno 2009

CONCLUSA LA FESTA DEL SOLSTIZIO


Omegna
CONCLUSA LA FESTA DEL SOLSTIZIO
E’ stata ancora una volta un successo la Fèsta dal Solstizi d’Istà, organizzata per la dodicesima volta dalla Compagnia dij Pastor in collaborazione con l’amministrazione comunale omegnese, assessorato alla Cultura, la comunità montana Cusio Mottarone, la sezione cittadina della Uildm, l’Ecomuseo Cusius e la Pro Loco. Momenti importanti sono stati quelli del falò della notte del solstizio, acceso a monte Zuoli la sera di sabato 20, nonostante il forte temporale, e il convegno tenutosi domenica 21 all’Oasi della Vita di Bagnella.
L’incontro di domenica era incentrato sul tema ‘Il dialetto a scuola’ e ha visto confrontarsi, presenti un buon numero di appassionati, l’assessore comunale Maria Giulia Comazzi, il giornalista Giovanni Marco Polli e Massimo M. Bonini, presidente di Ecomuseo e della Compagnia dij Pastor. Dal dibattito ha preso vita il progetto di istituire corsi di formazione per gli insegnanti delle scuole cittadine e del circondario, in modo che l’insegnamento della cultura tradizionale e della lingua regionale, anche alla luce delle recente legislazione regionale piemontese, possa essere proposto all’interno delle scuole primarie e secondarie.
La manifestazione si concluderà sabato 27 con la cena int la contrà dal Butér (via Alberganti), dedicata alla raccolta di fondi a favore della Unione italiana per la lotta alla distrofia muscolare.


venerdì 19 giugno 2009

Commissione Cultura Tradizionale

agli Associati
agli Amici dell’Ecomuseo


Oggetto: commissione Cultura Tradizionale.


Si rende noto che in data 27/05 si è tenuta la prima riunione della commissione in oggetto.
I presenti hanno convenuto sull’opportunità di avviare un lavoro di studio e ricerca sui temi della cultura materiale nel territorio del Cusio, concentrando inizialmente l’attenzione su tema degli attrezzi anticamente utilizzati per i diversi lavori agricoli.
Sapendo che molte persone già si occupano di questo tema e che molto lavoro di documentazione e ricerca è già stato svolto, si invitano tutti coloro che fossero in possesso di materiale – testi, immagini, registrazioni audio, filmati, fotografie, collezioni di oggetti etc. – a segnalare a Ecomuseo l’esistenza e la collocazione di tali materiali e l’eventuale disponibilità a partecipare a un’operazione di schedatura e catalogazione che permetta la predisposizione di una banca dati.
Il tutto dovrebbe portare alla realizzazione di una pubblicazione, il cui formato resta per ora da definire, che documenti il patrimonio culturale presente nella nostra zona.

Confidando nell’interesse e nella disponibilità di ognuno, si resta in attesa di cortese riscontro e con l’occasione si porgono anticipati ringraziamenti e cordiali saluti.


il Presidente Massimo M. Bonini

giovedì 18 giugno 2009

Presente!

Eccomi, pronto all'appello...

Cos'è l'Ecomuseo del Lago d'Orta e Mottarone?

La Regione Piemonte, con la L.R. 14 marzo 1995, n. 31, la prima iniziativa legislativa italiana ispirata alla quasi trentennale esperienza europea sugli ecomusei, ha inteso procedere all’istituzione di ecomusei della cultura materiale. L’obiettivo è quello di testimoniare, ricostruire e promuovere la memoria storica delle tradizioni, della cultura materiale e del modo in cui l’insediamento tradizionale ha caratterizzato la formazione e l’evoluzione del paesaggio.

L’Ecomuseo del Lago d’Orta e Mottarone (Ecomuseo Cusius), istituito nel 1997 mediante l’associazione di enti locali, musei e siti visitabili ubicati intorno al lago e sulle pendici del Mottarone, è costituito da una fitta trama di temi organizzati su tre itinerari principali: la cultura materiale, l’arte e la natura.

L’Ecomuseo del Lago d’Orta e Mottarone, a proposta culturale multipla, rappresenta quindi un nuovo modello di offerta culturale legato alla valorizzazione e alla tutela delle risorse ambientali, culturali e storico - etnografiche locali.

L'Ecomuseo, che abbraccia l’area del Cusio, della Val Strona, del Mottarone fino alle porte della Val d’Ossola e ai pendii che digradano verso il Lago Maggiore, può essere immaginato come una rete che intreccia aree e temi, per la riscoperta dell’intero territorio, non solo nei suoi aspetti culturali, ma anche in quelli paesaggistici, della cultura materiale, dell’artigianato e dell’industria locale.

Per informazioni telefonare (0323.89622) o inviare un fax (0323.888621) all’Ecomuseo (orari: 9,00 - 13.00 / 14,00 – 17,00). La segreteria dell’Ecomuseo Vi fornirà indicazioni relative ai singoli siti, ad eventi ed iniziative particolari e agli itinerari per raggiungere le diverse località.

Per saperne di più
Per info telefonare (0323.89622) o inviare un fax (0323.888621) all' Ecomuseo
Orari: 9,00 - 13,00 / 14,00 - 17,00.

La segreteria dell'Ecomuseo vi fornirà indicazioni relative ai singoli siti, ad eventi ed iniziative particolari e agli itinerari per raggiungere le diverse località del territorio.

Nasce il blog dell'Ecomuseo del Lago d'Orta e Mottarone

Questo blog vuole essere uno spazio di informazione e discussione sull'attività dell'ecomuseo del Lago d'Orta e Mottarone. In esso si darà conto di quanto realizza l'ecomuseo e delle attività che realizzano gli associati, 38 realtà pubbliche e private del territorio.

Per informazioni telefonare (0323.89622) o inviare un fax (0323.888621)
all' Ecomuseo del Lago d'Orta e Mottarone (orari: 9,00 - 13.00 / 14,00 - 17,00 dal lunedì al venerdì). info : ecomuseo@lagodorta.net P.IVA 01741310039 - C.F. 93016190030