lunedì 19 ottobre 2009

Ecomusei per il paesaggio


Quale rapporto lega i musei al paesaggio?
E quale ruolo possono svolgere e svolgono gli ecomusei?
Su queste domande era incentrato il convegno nazionale “Musei e Paesaggio” organizzato da ICOM (l’organizzazione internazionale dei musei) a Ravenna. Al convegno ha preso parte una delegazione degli ecomusei piemontesi, invitati a relazionare sulle attività svolte per la ricerca, la valorizzazione e la conservazione del paesaggio. La delegazione era composta da Andrea Del Duca, direttore dell’ecomuseo del Lago d'Orta e Mottarone e da Giuseppe Pidello, coordinatore dell’ecomuseo della Valle Elvo, una delle cellule dell’ecomuseo del Biellese.
L’intervento presentato al convegno verteva da un lato sul particolare approccio degli ecomusei alla tematica, con una naturale convergenza rispetto allo spirito e ai contenuti della Convenzione Europea del Paesaggio. La Convenzione, recepita anche dall’Italia e avente valore di legge, rovescia il tradizionale indirizzo di governo dall’alto del paesaggio, prevedendo la partecipazione attiva della popolazione nelle politiche paesaggistiche. La vocazione partecipativa degli ecomusei e il ruolo di “cerniera” tra le istituzioni e la comunità locale, fanno degli ecomusei uno dei soggetti potenzialmente in grado di facilitare l’affermarsi di questa nuova prospettiva. Durante il convegno è stato inoltre presentato il risultato di uno studio condotto tra gli ecomusei piemontesi per monitorare le attività concretamente svolte dagli ecomusei.

È emersa chiaramente la vocazione a svolgere una funzione di sensibilizzazione della popolazione e a valorizzare il paesaggio mediante iniziative che prevedono un’attiva partecipazione della comunità locale. Un esempio particolarmente riuscito, sul nostro territorio è “Scopriamo Girolago”, un camminar piano per guardare con occhi nuovi il paesaggio, che è reso possibile dal crescente coinvolgimento di volontari nella sua organizzazione.

sabato 17 ottobre 2009

Riparte il corso sulle lingue regionali all'UNI3 di Omegna

UNI3 Omegna – anno accademico 2009/2010
Lingue, dialetti e cultura tradizionale
Omegna, il Cusio, l'Italia nord occidentale

Corso a cura dell'Associazione culturale Compagnìa dij Pastor, con il patrocinio di Ecomuseo Cusius del Lago d’Orta e del Mottarone

Dopo il buon successo degli scorsi anni, viene riproposto il corso sulle parlate locali e la cultura materiale di Omegna, del Cusio e del Piemonte.

Incontri previsti:
1. Tra dialetti e culture materiali: problemi di trascrizione di una lingua parlata.
2. Daghela avanti on pass. I piemontesi alla conquista d’Italia.
3. Travet a meur nen. Storia del teatro dialettale piemontese.
4. Balli e ballate, passatempi di una volta tra l’aia e la stalla.
5. Le latterie consorziali turnarie nell’economia agricola del VCO. Le esperienze di Casale Corte Cerro e di Fomarco.
6. Dagh al gorila. I dialetti del nord ovest nella moderna canzone d’autore.

Il corso si terrà presso il Forum di Omegna, dalle ore 15,00 alle 17,00, nei giorni
lunedì 9 novembre 2009
lunedì 18 gennaio 2010
lunedì 1 febbraio 2010
lunedì 15 febbraio 2010
lunedì 8 marzo 2010
lunedì 22 marzo 2010

N.B. Per motivi di organizzazione l’esatta successione degli incontri sopra elencati sarà comunicata nel corso del primo incontro.

Relatore Massimo M. Bonini: insegnante, giornalista, ricercatore, docente di lingua piemontese
Agli incontri potranno inoltre prendere parte esperti delle materie di volta in volta trattate
Per informazioni telefonare (0323.89622) o inviare un fax (0323.888621)
all' Ecomuseo del Lago d'Orta e Mottarone (orari: 9,00 - 13.00 / 14,00 - 17,00 dal lunedì al venerdì). info : ecomuseo@lagodorta.net P.IVA 01741310039 - C.F. 93016190030